Speleologia

  • Stampa

All'interno del parco le rocce sono state modellate dagli agenti naturali non solo in superficie, ma anche in profondità: sottoterra si può scoprire il mondo nascosto e spettacolare delle grotte.

Circa cento cavità naturali sono distribuite sul territorio gardesano: talvolta la loro visita richiede attrezzature specifiche e l'accompagnamento di speleologi esperti, ma esistono anche grotte che si sviluppano orizzontalmente (chiamate "cuei") di facile accesso e ricche di fascino. 

(Foto di Ruggero Bontempi)