Gardone Riviera Gargnano Limone Garda Magasa Salò Tignale Toscolano Maderno Tremosine Valvestino

Parco Alto Garda, 21 October 2019

ECOPAY CONNECT 2020

1. COS'E' ECOPAY CONNECT 2020

2. LA COMUNITA’ MONTANA PARCO ALTO GARDA PARTECIPA ALLA COMUNITA’ DI PRATICA

Strumento per supportare l’avvio, lo sviluppo, l’operatività e la produttività della comunità di apprendimento nate intorno al bando Capitale naturale. Connessioni ecologiche e servizi ecosistemici per la tutela della biodiversità (2018-2021) di Fondazione Cariplo.

  • Ecopay Connect 2020: sistema ambientale Garda-Mincio-Oglio in rete verso i servizi ecosistemici (province di Brescia e Mantova);

Il bando Capitale naturale ha due focus strategici. Il primo riguarda la promozione delle azioni dirette che impegnano ciascun partenariato nel proprio territorio operativo - e cioè la valorizzazione del capitale naturale locale, l’identificazione e la protezione delle funzionalità ecosistemiche, lo studio e la sperimentazione di modalità di pagamenti per servizi ecosistemici. Il secondo consiste in un’azione trasversale di scambio di conoscenze ed esperienze, di confronto su problemi e modalità di intervento localmente individuate. Per dar corso a questo secondo focus si è costituita la comunità di pratiche, animata dai gruppi di coordinamento dei cinque partenariati, con l’obiettivo di socializzare, approfondire, riconsiderare i know-how sviluppati e di disseminare le competenze operative attraverso articoli brevi, post divulgativi, schede informative, e un testo di sintesi conclusivo. Ecco dunque le ragioni del Learning Community Canvas, strumento messo a punto per accompagnare la comunità di pratiche del bando Capitale naturale. Nel contributo che segue cercheremo di raccontarvi i passaggi che hanno determinato il suo sviluppo e, per meglio aiutarci nella comprensione degli stessi, vi proponiamo di seguito un breve glossario utile ad orientarsi.

https://www.secondowelfare.it/terzo-settore/learning-community-canvas-come-facilitare-il-lavoro-delle-comunit-di-apprendimento.html

 

link agli articoli costruiti nell’ambito della comunità di pratica Capitale naturale (prima edizione 2018-2021) già pubblicati:

 

3. IL PROGETTO IN CORSO DI REALIZZAZIONE

ANCHE SUL GARDA E’ POSSIBILE PESCARE LA TROTA LACUSTRE!

Risultati inattesi per il progetto pesca 4.0 attivata dalla ComunitĂ  Montana Parco Alto Garda, il comune di Toscolano Maderno e il GAL gardavalsabbia.

 Sul territorio della Comunità Montana parco Alto Garda, ed in particolare  nel Comune di Toscolano Maderno, si è intrapreso il progetto denominato Pesca 4.0 con la collaborazione dell’ittiologo Dott. Alessandro Marieni, il contributo di ERSAF e del Gal .

Il primo lotto di interventi ha dato risultati incoraggianti

I risultati sono stati confortanti con tangibili incrementi della produzione della trota lacustre. Sono state accertate all’incile del torrente Toscolano mediamente 100 femmine/anno di peso medio 4 kg. Basti pensare che ognuna di queste femmine genera, dopo 3 anni, circa 16 riproduttori da 1 Kg medio ciascuno e questo ci dà i numeri del possibile incremento, nei prossimi anni, di un “capitale naturale” che può generare ricadute economiche sul territorio. Nello studio si è anche constatato che la trota selvatica ha la possibilità di risalire il fiume, ATTIVITA’ che non era stata osservata nelle trote immesse artificialmente nel lago di Garda. Un valore, quindi, ecologico ed economico importante che può far ben sperare in un eventuale replica del progetto su tutte le sponde del lago di Garda.

La Comunità Montana Parco Alto Garda è partner con un progetto di Ecopay Connect 2020, attivato grazie al finanziamento del bando “Capitale Naturale 2017” della Fondazione CARIPLO.  Il progetto, intende valorizzare, proteggere e potenziare la connessione ecologica di uno dei maggiori sistemi di acque interne italiani, ovvero il sistema di acque ed ambienti ecotonali riconducibili ai bacini idrici del Lago di Garda e dei fiumi Mincio ed Oglio.

Il partenariato è composto dal Parco del Mincio in qualità di capofila, Alto Garda Bresciano, Oglio Sud e Oglio Nord, oltre ad AIPO e GFR Servizi srl. Il progetto è anche co-finanziato da altri soggetti privati, tra i quali Coldiretti e Confagricoltura di Brescia.

Area interessata dal progetto e siti di intervento per il miglioramento del Capitale Naturale

Lo svolgimento del progetto consentirà il raggiungimento Di altri importanti  obiettivi:

 ✓        Risolvere alcune delle criticità ambientali che minacciano l’integrità ecosistemica all’interno dei quattro parchi con la finalità di conservare il capitale naturale e la funzionalità degli ecosistemi. Le opere intraprese porteranno ad un migliore assetto ecologico per consolidare il Capitale Naturale dei territori interessati.

✓         Riconoscere e valorizzare i SE generati dai singoli interventi di riqualificazione territoriale su una scala vasta e non più solo a livello locale.

✓         Fornire con le opere realizzate esempi pratici di “investimenti” sul Capitale Naturale che generano benefici ambientali.

✓         Avviare mediante un processo di regia partecipata un progetto a medio-lungo termine di valorizzazione dei Servizi Ecosistemici nel sistema Garda – Mincio – Oglio.

 

GLOSSARIO

CAPITALE NATURALE L’intera riserva di beni naturali (organismi viventi, aria, acqua, suolo e risorse geologiche) che contribuiscono a fornire beni e servizi di valore, diretti e indiretti, per l’umanità e che sono necessari per la sopravvivenza dell’ambiente stesso da cui sono generati.

SERVIZI ECOSISTEMICI (SE). L’insieme delle componenti dell’ecosistema, i suoi processi e funzioni costituiscono i SE. Essi possono essere di interesse globale (es. mantenimento della composizione chimica dell’atmosfera), o locale (es. consolidamento del suolo o funzione ricreativa). I SE costituiscono un valore pubblico poiché forniscono agli abitanti di un territorio, benefici insostituibili. A volte i SE sono il risultato non solo di processi ecologici, ma della loro interazione con processi sociali e culturali, attraverso una co-evoluzione storica di usi, regole d’uso, norme sociali e processi naturali.

 Elemento innovativo è la governancedel progetto che costituisce il fulcro di una importante azione di collaborazione : si prevede infatti la costituzione di una cabina di regia e di coordinamento permanente dei vari interventi  e delle attività  che verrà  svolta  dal Parco  Regionale del Mincio in collaborazione con i partner rapresentati da Etifor www.etifor.com, la Fondazione Cariplo e la Regione Lombardia.

 

UFFICIO PREVENZIONE INCENDI BOSCHIVI

La gestione della prevenzione incendi boschivi è affidata all'Ufficio Agricoltura e Foreste

GARDAMUSEI ONLUS

La rete territoriale GardaMusei, dallo scorso 21 ottobre formalizzata in associazione, nasce con l'intento di promuovere la cultura, l'arte, l'ambiente, il turismo, il territorio, nell'ottica di valorizzare e promuovere l'immagine e la forza dell'intero Lago di Garda, non inteso come mera divisione geografica tra sponde, ma visto e vissuto come elemento di grande forza in dimensione unitaria.

Uno degli elementi distintivi di GardaMusei è quello di aver pensato, sin dall'origine, alla forza della sinergia tra realtà istituzionali pubbliche e realtà museali, culturali, ambientali, turistiche e territoriali di natura privata, per realizzare il sistema integrato idoneo alle nuove sfide e al posizionamento ottimale per la presentazione di progetti condivisi.

Una cabina di regia unica, capace di esaltare le peculiaritĂ  e i punti di forza di ogni realtĂ  aderente; un sistema di razionalizzazione di risorse economiche e intangibili; la possibilitĂ  di avere a disposizione una squadra di professionisti di diversi settori; un ideale connubio tra le forze economiche del territorio e le migliori realtĂ  del tessuto della conoscenza, culturale, immateriale sono gli elementi distintivi della nuova realtĂ  che si appresta a operare sul territorio e per il territorio; un territorio inteso come rappresentazione del contesto provinciale e regionale e non precluso a nuove proficue collaborazioni.

INFO www.gardamusei.it 

 

Museo "Antichi mestieri il mulino ad acqua"

Via Provinciale - Valvestino (BS)

Recuperato recentemente dalla Comunità Montana dell’Alto Garda Bresciano nell’ambito del Progetto di sviluppo per la valorizzazione della Valvestino, il mulino è stato prima recuperato e poi allestito con materiale restaurato e pannelli didattico - informativi. L’impianto di macinazione, al piano terra, è stato conservato, mentre lo stato di degrado delle ruote idrauliche e del tratto di canalizzazione che vi convogliava l’acqua ha reso necessaria la sostituzione di quanto rimaneva.